Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]
[ ]
 
Seleziona Lingua


Nessun evento in questo mese.

LMMGVSD



1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Online
Ospiti: 3, Utenti: 0 ...

Massimo numero di utenti in linea 207
(Utenti: 0, Ospiti: 207) il sab 09 gen 2010 16:05:27 CET

Utenti: 24
Ultimo iscritto: marina
Numeri Utili RC
W3C Compliance
Valid XHTML 1.1!
Valid CSS!
Credits


© 2007 This site is powered by Gianfranco Tauro
Cookie policy

LOGO_TI.png blog_logo_3.png


Lista Eventi - Agosto 21
<< Luglio Agosto 2018 Settembre >>
<< 2017 Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic   2019 >>

Eventi Futuri
Nessuno elencato.
I don't like using 100% on a table cell when I have a pixel width defined in the other cell so rather than defining the 100% I just hide a large div at the bottom to push out the edge. I don't like using 100% on a table cell when I have a pixel width defined in the other cell so rather than defining the 100% I just hide a large div at the bottom to push out the edge.
Cerca

News

gio 15 nov 2018 21:33:00 CET
Sfregiò con l'acido Gessica Notaro, Tavares condannato in appello a 15 anni
[html]
Per la difesa, invece, Tavares doveva essere assolto o in subordine ridotta la pena. In mattinata i giudici avevano riunificato i due procedimenti: il primo riguardante l'aggressione con acido subita dalla stessa show girl riminese il 10 gennaio 2017 (10 anni la condanna in primo grado per il capoverdiano) ed il secondo per il reato di stalking (8 anni la pena inflitta dal tribunale di Rimini). La Corte di appello di Bologna ha anche confermato l'espulsione di Tavares a fine pena. 

Gessica: sentenza giusta, se l'è cercata -  "E' andata bene, è sicuramente quello che ci aspettavamo, forse qualcosina in più del previsto". Questo il primo commento di Gessica Notaro alla condanna in appello all'ex Edson Tavares. "Sembra un film, è incredibile finire così. E' una persona con cui ho dormito tre anni. Ma se l'è cercata, ha fatto tutto lui", ha aggiunto. Gessica ha parlato di una "sentenza giusta", e ha ringraziato il lavoro dei suoi avvocati e della Procura. Sull'espulsione di Tavares a fine pena: "Per il momento questo mi consola, poi vedremo. Quando esce starò attenta nonostante l'espulsione".
[/html]  
More... ] 


lun 12 nov 2018 22:02:46 CET
Mattarella agli studenti: la libertà di stampa ha un grande valore
[html]
Fico: libertà di stampa sarà sempre tutelata ma serve cultura dell'indipendenza Anche il presidente della Camera, Roberto Fico, ha assicurato che la libertà di stampa è tutelata e lo sarà fino alla fine rispondendo ai giornalisti a margine di una visita alle Catacombe di San Gennaro a Napoli. "C'è la Costituzione, la libertà di stampa è tutelata e sarà tutelata fino alla fine" ha detto Fico ma ha sottolineato: "Negli ultimi 30 anni è mancata una cultura forte e generale dell'indipendenza ed è un tema che va affrontato perché la stampa influenza la politica e i politici influenzano i giornalisti". 

Casellati: stampa parlamentare pilastro della democrazia - Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato, in occasione di un seminario organizzato dall' Associazione Stampa Parlamentare al Senato, ha sottolineato come la stampa parlamentare sia il pilastro della democrazia. "Questa vostra giornata ospita un seminario di grande interesse perché dedicato al ruolo ed ai cambiamenti del giornalismo parlamentare che ha rappresentato nella nostra storia nazionale un pilastro della democrazia liberale. Cambiamenti che hanno interessato, attraversato e per molti versi sfidato il contesto mediatico, politico e tecnologico dei nostri giorni". 

Flash mob giornalisti organizzato dalla Fnsi - Si svolgerà nelle prossime ore in molte piazze italiane un flash mob organizzato dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana in tutte le regioni d'Italia "per difendere la libertà di stampa - dice una nota della Fnsi - e contrastare la deriva di un linguaggio della politica fatto di insulti e minacce a chi ogni giorno svolge il proprio dovere di informare i cittadini. Attacchi a una categoria di professionisti, ma soprattutto all'articolo 21 della Costituzione e ai valori fondamentali della democrazia, che mettono a rischio il diritto ad essere informati".
(Rainews)
[/html]  
More... ] 


mar 06 nov 2018 18:17:00 CET
Migranti, UNHCR: oltre 2.000 morti nel Mediterraneo da inizio 2018
[html]
"Se le operazioni di soccorso delle ONG nel Mediterraneo cessassero del tutto, rischieremmo di tornare alla stessa pericolosa situazione alla quale abbiamo assistito nel 2015,quando centinaia di persone sono morte in un incidente nel Mediterraneo centrale dopo l'interruzione dell'operazione navale italiana Mare Nostrum", scrive l'Unhcr che "accoglie con favore gli sforzi effettuati dalla Guardia Costiera libica nelle operazioni di soccorso, che hanno evitato la perdita di ulteriori vite. Tuttavia, essendo divenuta la principale responsabile del coordinamento delle operazioni di ricerca e soccorso in un'area che si estende fino a circa 100 miglia, la Guardia Costiera libica necessita di ulteriore supporto. Ogni nave in grado di facilitare operazioni di ricerca e soccorso dovrebbe essere autorizzata a soccorrere le persone in difficoltà". 

"L'UNHCR ribadisce che le persone soccorse in acque internazionali - vale a dire oltre le 12 miglia nautiche dalle acque territoriali della Libia - non dovrebbero essere riportate in Libia, che non offre le necessarie condizioni di sicurezza. La maggior parte dei decessi è stata registrata durante gli attraversamenti in direzione dell'Italia, rappresentando oltre la metà di tutti i decessi registrati quest'anno, nonostante la Spagna sia divenuta la principale destinazione dei nuovi arrivi. Più di 48.000 persone sono arrivate in Spagna via mare, rispetto alle circa 22.000 in Italia e alle 27.000 in Grecia. C'è un bisogno impellente di rompere con l'attuale impasse e con l'adozione di un approccio ad hoc per ogni imbarcazione riguardo al luogo di sbarco delle persone soccorse".
[/html]  
More... ] 


ven 09 nov 2018 21:57:17 CET
Pm: condannare Raggi a 10 mesi. "Mentì su nomine per evitare dimissioni"
[html]
Il codice etico M5S prevedeva in caso di indagine penale a carico di un 'portavoce' la sua ineleggibilità o, se già eletto, le dimissioni. "Se la sindaca avesse detto la verità - ha spiegato Ielo- e avesse riconosciuto il ruolo di Raffaele Marra nella scelta del fratello, l'apertura di un procedimento penale a suo carico sarebbe stata assai probabile. Lei era consapevole che in casi di iscrizione a modello 21 (ovvero come indagata in un fascicolo penale, ndr) rischiava il posto e per questo mentì. Il codice etico fu modificato nel gennaio del 2017". 

Nella sua requisitoria il pm Francesco Dall'Olio ha detto che "è pacifico che si tratti di falso ideologico in atto pubblico". L'accusa ha poi ricordato il ruolo di Raffaele Marra, all'epoca vice capo di gabinetto e stretto collaboratore di Raggi: per i magistrati avrebbe avuto un ruolo nella nomina del fratello Renato. L'accusa di falso per Raggi è relativa ad una dichiarazione all'anticorruzione in cui rivendicò la decisione di avere nominato Renato Marra. 

La difesa di Raggi - "Nella prassi esplicativa l'espulsione non fu mai applicata, sia per Pizzarotti sia per Nogarin. Pizzarotti fu sospeso per non aver comunicato le indagini a suo carico. Se fosse stato come sostiene il pm non mi sarebbe stata consentita nemmeno la candidatura. La prassi del codice etico era diversa". Lo ha detto Raggi nelle sue dichiarazioni spontanee dopo la richiesta di condanna. Circa l'intervento dell'ex capo di gabinetto, Raineri, Raggi parla di "accuse surreali e false". 

La testimonianza dell'ex capo di gabinetto Raineri - L'ex capo di gabinetto del Comune di Roma, Carla Raineri, è stata sentita come testimone ed ha dichiarato che Raffaele Marra "non aveva nessuna delega, era formalmente il vice capo di gabinetto ma era il consigliere privilegiato del sindaco". E ha aggiunto: "Stavano in tre in una stanza a porte chiuse, per riunioni inaccessibili a tutti se non all'allora vice sindaco Daniele Frongia. Marra aveva un fortissimo ascendente sulla sindaca. Erano stati coniati vari epiteti per Marra, eminenza grigia, Richelieu, sottolineando la debolezza della sindaca come quella della zarina ai tempi di Rasputin. Chiunque si fosse messo di traverso rispetto alle loro ambizioni faceva una brutta fine". 

La posizione di Di Maio - "Per quanto riguarda il sindaco di Roma, io non conosco l'esito del processo ma il nostro codice di comportamento parla chiaro e lo conoscete", ha detto il vicepremier Di Maio. 
[/html]  
More... ] 


mer 07 nov 2018 21:38:08 CET
Eutanasia, la Cassazione: "Non ci sono attenuanti per chi uccide un malato per pietà"
[html]
Cosi' la Cassazione spiega perche', nello scorso giugno, ha confermato la condanna a 6 anni e mezzo di reclusione per Vitangelo Bini, l'ex vigile urbano 88enne che nel 2007 uccise con 3 colpi di pistola la moglie, malata di Alzheimer, ricoverata all'ospedale di Prato. 

La Suprema Corte ha rigettato il ricorso dell'imputato, condividendo le conclusioni dei giudici del merito, che avevano ritenuto che l'uomo, al momento del fatto, si trovava in condizioni di "diminuita capacita' di intendere", riconoscendogli le attenuanti generiche e per l'avvenuto risarcimento del danno, ma non quella dell'"aver agito per motivi di particolare valore morale o sociale". 

Proprio su questo punto verteva il ricorso presentato dalla difesa, in cui si rilevava che "secondo il sentire diffuso della comunita' sociale, la partecipazione all'altrui sofferenza puo' essere vissuta, in casi estremi, anche con la soppressione della vita sofferente". Una tesi non condivisa dai giudici della prima sezione penale del 'Palazzaccio', secondo i quali questa "nozione di compassione e' attualmente applicata con riguardo agli animali da compagnia, rispetto ai quali e' usuale, e ritenuta espressione di civilta', la pratica di determinarne farmacologicamente la morte in caso di malattie non curabili", mentre "nei confronti degli esseri umani operano i principi espressi dalla Carta costituzionale, finalizzati alla solidarieta' e alla tutela della salute". Dunque, la nozione di compassione, a cui "il sentire comune riconosce un altissimo valore morale", resta "segnata" dal "superiore principio del rispetto della vita umana, che e' il criterio della moralita' dell'agire", osservano i giudici, secondo i quali e' "del tutto distinto" il "dibattito culturale sui limiti al trattamento di fine vita e sul rilievo del consenso del malato, fondato sul principio costituzionale del divieto di trattamenti sanitari obbligatori". 

La Cassazione ricorda infine che "le sentenze di merito hanno osservato che nella coscienza sociale e' ancora dibattuto il tema della eutanasia, e che comunque e' chiaro il ripudio di condotte, come quella posta in essere dall'imputato, connotate da violenza mediante l'uso di arma da fuoco e in un luogo pubblico. Si tratta di argomenti non decisivi - conclude la Corte - ma significativi del perdurante rifiuto, nella coscienza sociale, di condotte caratterizzate da violenza su persona indifesa".
(Rainews)
[/html]  
More... ] 



Prossimi Eventi
Nessun evento prossimo
Angolo della Poesia
Meteo
Chatbox
Devi essere registrato per inviare commenti - effettua il Login oppure se non sei registrato clicca qui per iscriverti


Nessun messaggio presente.