Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]
[ ]
 
Seleziona Lingua


Nessun evento in questo mese.

LMMGVSD




123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930
Online
Ospiti: 3, Utenti: 0 ...

Massimo numero di utenti in linea 207
(Utenti: 0, Ospiti: 207) il sab 09 gen 2010 16:05:27 CET

Utenti: 24
Ultimo iscritto: marina
Numeri Utili RC
W3C Compliance
Valid XHTML 1.1!
Valid CSS!
Credits


© 2007 This site is powered by Gianfranco Tauro
Cookie policy

LOGO_TI.png blog_logo_3.png



Rohani, 'non tollereremo minacce'

mercoledì 20 settembre 2017 - 21:55:37

rohani-onu.jpgNew York, 20 set. 2017 - "Quella della moderazione e' la strada scelta e intrapresa dall'Iran. Noi non minacciamo nessuno, ma allo stesso tempo non tolleriamo e non tollereremo alcuna minaccia nei nostri confronti": lo ha detto il presidente iraniano Hassan Rohani parlando all'Assemblea generale dell'Onu.

"L'Iran non sarà il primo a violare l'accordo sul nucleare, ma risponderemo in maniera decisa e risoluta a qualsiasi violazione", ha aggiunto sottolineando che se gli Usa dovessero uscire dall'intesa "distruggerebbero soltanto la loro credibilità". (Ansa)
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Intimidazione sindaco Taurianova, Scionti: “Non ha intaccato la mia volontà”

giovedì 07 settembre 2017 - 10:53:06

Taurianova (RC), 06 set. 2017 - “Esprimo profonda gratitudine per gli innumerevoli messaggi di solidarietà e di affetto che ho ricevuto a seguito del grave atto che ha colpito non solo la mia persona e la mia famiglia ma l’intera comunità di Taurianova”. Così Fabio Scionti in una nota all’indomani dell’atto intimidatorio che ha visto tutta la sua famiglia coinvolta in un fatto spiacevole.
“Un ringraziamento sentito – scrive Scionti – voglio inoltre rivolgere alla Prefettura, alla Procura e alle Forze dell’Ordine che stanno indagando sull’accaduto con grande professionalità e che hanno manifestato il loro sostegno e la loro vicinanza nei miei confronti. Quest’atto, perpetrato con vigliaccheria, ha sicuramente turbato la mia tranquillità ma non ha intaccato la mia volontà di lavorare per la comunità che un anno e mezzo fa mi ha scelto alla guida della città.

Le attestazioni di solidarietà che ho ricevuto dai miei concittadini sono per me un messaggio di speranza, sono il segno tangibile che il cambiamento che questa città merita è possibile, ed è possibile attraverso un’azione quotidiana e collettiva incentrata sul rispetto delle regole. Amministrare un comune in maniera trasparente, lavorare per la propria comunità e per il bene comune, non è un’attività straordinaria, è un dovere che bisogna esercitare con senso di responsabilità. Il mio augurio è che la comunità taurianovese, in virtù dell’azione portata avanti dall’Amministrazione comunale che rappresento, colga una importante occasione di rinascita civile, sociale e culturale. (strill.it)
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Jerry Lewis è morto a Las Vegas, aveva 91 anni

domenica 20 agosto 2017 - 21:29:18

jerry_lewis.jpgLas Vegas, 20 ago 2017 - (Rainews) - È morto all'età di 91 anni a Las Vegas l'attore comico americano Jerry Lewis. La notizia è stata confermata dall'agente. Considerato uno dei comici più celebri dello spettacolo, era nato il 16 marzo del 1926 a Newark nel New Jersey. Il suo vero nome era Joseph Levitch figlio di Daniel Levitch, un attore di vaudeville, e Rachel "Rae" Levitch (nata Brodsky), ambedue immigrati russi di origine ebraica.

La nota della famiglia - "Il leggendario intrattenitore Jerry Lewis è morto in pace oggi per cause naturali a 91 anni a casa sua, con la sua famiglia al fianco", recita un comunicato della famiglia citato da John Katsilometes del Las Vegas Review-Journal.

La coppia Lewis-Dean Martin - Fin da ragazzo fu attore e imitatore. È divenuto nel tempo un'autentica leggenda della slapstick comedy, un genere comico che sfrutta il linguaggio del corpo e le gag, del quale sono stati maestri mostri sacri come Stanlio e Ollio, Buster Keaton e Charlie Chaplin. Il periodo di maggiore fama, di quello che divenne uno degli attori più pagati del cinema americano, risale al decennio in cui ha lavorato in coppia con Dean Martin. Il 'picchiatello' ha costruito le sue fortune fin dalla metà degli anni Quaranta grazie al sodalizio decennale con Dino Crocetti, il cantante di origine italiana meglio noto come Dean Martin. Con Martin Jerry Lewis ebbe un enorme successo in teatro, al cinema e in televisione. Il primo film fu "La mia amica Irma", a cui seguirono altre pellicole di successo. La coppia incise diverse canzoni e lavorò insieme a film come "Morti di paura" o "Il nipote picchiatello" oltre che a centinaia di rappresentazioni a teatro o alla radio, diventando perfino protagonista di una serie a fumetti. Nel 1956, a dieci anni esatti dall'inizio della loro unione artistica, Lewis e Martin annunciarono la loro separazione. 


Leggi Tutto ...
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Tensione Usa-Iran, Rohani minaccia di riavviare il programma nucleare: "Trump non è un buon partner"

martedì 15 agosto 2017 - 11:28:39

L'accordo era stato firmato nel 2015

rohani-accordonucleare.jpgTeheran, 15 ago 2017 - (Rainews) - Il presidente iraniano Rohani ha minacciato di riprendere il programma nucleare "in giorni o anche ore" se gli Stati Uniti continueranno "con le sanzioni e con la coercizione". Sarebbe la fine dell'accordo storico siglato nel 2015 anche se poi Rohani ha sottolineato la volontà di proseguire nel rispetto del patto.

Perchè Rohani minaccia di tornare a sviluppare il programma nucleare - Secondo Teheran il presidente Trump ha mostrato di "non essere un buon parter" quando ha minacciato di stracciare l'accordo sul nucleare siglato nel 2015 sotto la presidenza Obama: "Nei mesi scorsi il mondo è stato testimone del fatto che gli Usa - ha detto Rohani in Parlamento - in aggiunta ad un costante e ripetitivo tradimento delle loro promesse sull'accordo nucleare, hanno ignorato alcuni altri accordi globali".

L'Iran può davvero riprendere il programma? E' un avvertimento, quello lanciato da Rohani a Trump. Ma l'operatività dietro le parole è preoccupante: "L'esperienza fallita delle sanzioni e della coercizione ha portato la precedente amministrazione al tavolo negoziale - ha detto riferendosi ad Obama - se vogliono tornare a quella esperienza, in poco tempo, non mesi o settimane ma entro giorni o ore, torneremo alla precedente situazione". 


Leggi Tutto ...
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Sierra Leone: a Freetown centinaia di morti e feriti per frane e inondazioni

lunedì 14 agosto 2017 - 19:28:38

I media parlano di abitanti alla ricerca dei loro cari scomparsi che scavano nel fango lasciato dietro dalle piogge incessanti, mentre l'obitorio è pieno zeppo di corpi

Sierra Leone, 14 ago 2017 -
E' salito a 312 morti il bilancio, ancora del tutto provvisorio, delle vittime della violentissima alluvione che ha travolto la capitale della Sierra Leone, Freetown. Lo scrivono vari media, fra cui il britannico Telegraph. I media parlano di abitanti alla ricerca dei loro cari scomparsi che scavano nel fango lasciato dietro dalle piogge incessanti, mentre l'obitorio è pieno zeppo di corpi. Oltre alle strade trasformate in quello che testimoni descrivono come "furiosi fiumi di fango in piena", vi sono gli smottamenti e le frane nei quartieri collinari di Regent sotto l'azione incessante della pioggia, che hanno sepolto decine di abitazioni. Almeno 2.000 persone risultano al momento sfollate. I media parlano di sopravissuti che si aggirano nel fango alla disperata ricerca di cari spariti nel nulla. Secondo il vicepresidente della Sierra Leone, Victor Bockarie Foh, "è del tutto verosimile che sotto al fango giacciano centinaia di persone". La Bbc, attraverso il suo corrispondente, cita il caso di una donna che non trova più 11 membri della sue famiglia. L'obitorio centrale di Freetown fa sapere che i corpi sono "troppi" per le capacità della struttura. (Rainews)
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Terremoto, l'accusa del Sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi: "Sulle tasse ci hanno preso in giro"

lunedì 14 agosto 2017 - 19:19:11

"Io avevo detto che la zona urbana franca doveva essere appannaggio soltanto dei 55 comuni che hanno una zona rossa, che era un criterio. Invece l'hanno allargata a tutti, perche' poi la civilta' dei clientes parte dall'Antica Roma. Le promesse erano altre", afferma Pirozzi

Amatrice, 14 ago 2017 - "Sull'esenzione da tasse e contributi ci hanno preso in giro. Ho studiato il bando pubblicato dal ministero dello Sviluppo economico: non c'e' quello che era stato stabilito. Ci avevano promesso l'esenzione dai contributi e dalle tasse per le imprese per due anni. E invece c'e' solo un credito d'imposta. E questo non va bene". A dirlo e' il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, a un anno dal sisma del 24 agosto 2016 (Rainews)



   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Abusi edilizi, Delrio: "Impugneremo i condoni, Il vero deterrente sono le demolizioni"

sabato 12 agosto 2017 - 16:04:11

In una intervista a Repubblica, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti annuncia che le sanatorie locali saranno fermate. "Aiutiamo chi di questa battaglia ne fa un programma politico, mettendoci la faccia e rischiando in prima persona" afferma poi con un chiaro riferimento ad Angelo Cambiano, il sindaco di Licata diventato il simbolo della lotta all'abusivismo in Sicilia, sfiduciato pochi giorni fa

Roma, 12 agosto 2017 - "Quando sento parlare di Italia dei condoni mi sembra di tornare indietro di vent'anni. Abbiamo impugnato la legge della Campania sugli 'abusi di necessità', siamo pronti a fare lo stesso con altre norme regionali". E' quanto dichiara il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio in un'intervista a Repubblica, annunciando che le sanatorie locali saranno fermate. "Non sono tollerabili difformità di vedute tra Stato ed enti locali, soprattutto su temi come quello dell'abusivismo edilizio - prosegue Delrio - il vero deterrente sono le demolizioni: se chi commette un abuso perde il possesso del bene e lo vede distruggere, ci penserà cento volte prima di commetterne un altro. È anche una questione di cultura della legalità, sulla quale evidentemente non si è mai investito abbastanza". "Sarebbe il caso di concentrarsi sulle priorità: la seconda casa al mare, l'ecomostro costruito da un mafioso, lo scempio a due passi dalla costa. Cominciamo da quelli, - spiega Delrio - proviamo ad accelerare l'iter per abbattere abusi conclamati di questo genere. E, soprattutto, aiutiamo chi di questa battaglia ne fa un programma politico, mettendoci la faccia e rischiando in prima persona" afferma Delrio. Evidente il riferimento al sindaco di Licata in Sicilia, Angelo Cambiano, che non stenta a definire "eroe", che proprio quale paladino della lotta all'abusivismo edilizio è stato sfiduciato dal suo Consiglio comunale. (rainews)
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Delitto Alto Magistrato Scopelliti, la figlia Rosanna: “Verità e giustizia per mio padre”

giovedì 10 agosto 2017 - 10:58:21

rosanna_scopelliti.jpgantonio_scopelliti.jpgVilla San Giovanni (RC), 09 ago 2017 - “Onorare la memoria del giudice Antonino Scopelliti oggi non è solo vivere nel suo esempio, è anche impegnarsi per restituire al Paese verità e giustizia. Per questo il mio più sentito ringraziamento va alle donne e agli uomini delle forze dell’ordine e ai magistrati che lavorano senza sosta da anni in questa direzione”. Lo dichiara Rosanna Scopelliti, figlia del magistrato ucciso nel 1991, deputata parlamentare e Presidente della Fondazione intitolata a suo padre. “Le inchieste condotte dalla Dda di Reggio fanno luce su scenari complessi e cupi che evidenziano legami malati tra mafie, massonerie e parti infedeli delle istituzioni. L’invito ai magistrati è ovviamente a proseguire con determinazione in questo senso e alla classe dirigente, alla politica. Ai partiti chiedo di avere più coraggio: di fare autocritica e pulizia interna. La magistratura – conclude – ha il dovere di reprimere, la politica sana ha il dovere e la necessità di prendere le distanze ed isolare chi la disonora”.
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Anniversario omicidio del Magistrato Antonino Scopelliti

giovedì 10 agosto 2017 - 10:35:21

Ministro degli Interni Marco Minniti: verità dovere morale
 
anniversario26scopelliti.jpgVILLA SAN GIOVANNI (RC), 9 AGO 2017 - "Chiedo ai magistrati di non mollare la presa sull'omicidio di Antonino Scopelliti e fare di tutto perché si giunga alla verità. É un dovere morale. In queste questioni non ci può essere un'archiviazione mentale". Lo ha detto il Ministro dell'Interno Marco Minniti durante la commemorazione del magistrato nel 26/mo anniversario del suo omicidio. "Scopelliti, come Falcone e Borsellino - ha aggiunto - va collocato nell'Olimpo dei caduti di questo Paese per mano della mafia. Non avremo pace sino a quando non sarà raggiunta la verità sui mandanti e sugli esecutori dell'omicidio di Scopelliti. Sono passati 26 anni. Sono tanti, ma su questioni come questa non sono mai troppi. Una democrazia che si rispetti non molla mai la presa e non lascia mai zone d'ombra nella storia. E la storia di Nino Scopelliti è un pezzo della grande storia dell'Italia repubblicana". (Ansa)
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Reggio, Falcomatà alla Marcianò: “No ombre e fango sull’amministrazione”

venerdì 28 luglio 2017 - 22:34:29

 
giuseppe-falcomat.jpgReggio Calabria, 28 lug. 2017 - (strill.it) - In merito alle esternazioni dell’avv. Angela Marcianò, il sindaco Giuseppe Falcomatà dichiara quanto segue.
 
1) Corre l’obbligo di riscontrare quanto affermato soprattutto perché non è consentito, a nessuno, né tantomeno a chi ha fatto parte per trentadue mesi della Giunta comunale, di gettare ombre e fango sull’operato dell’Amministrazione comunale.
 
Dette dichiarazioni, astiose e fuorvianti, attestano la correttezza politica della decisione della revoca dell’incarico delegato; il manifesto livore con cui sono state affrontate le questioni riguardanti la consiliatura e la “maggioranza di governo” evidenziano, senza ombra di dubbio, che non vi è stata sin dall’inizio la possibilità per la stessa maggioranza di fare squadra con l’ex assessore.

Dalla stessa lettera, così come da comunicati, articoli e post sui social si evince invece l’evidente individualismo che ha caratterizzato il percorso “politico” dell’avv. Marcianò, che non ha lesinato minimamente di attribuirsi meriti suoi propri (e non dell’amministrazione) nelle occasioni favorevoli. Ai più potrebbe apparire tardiva la revoca, ma in realtà denota la pazienza del Sindaco che, solo dopo un’approfondita riflessione ed un confronto politico con la propria maggioranza ed il partito di appartenenza, ha autonomamente deciso di porre fine al rapporto necessariamente fiduciario.



Leggi Tutto ...
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Scontri a manifestazione Gerusalemme: tre morti e diversi feriti. Disordini al valico di Qalandiya

venerdì 21 luglio 2017 - 20:29:49

Protesta dei palestinesi contro la chiusura della Spianata delle Moschee, durante i disordini la polizia israeliana spara lacrimogeni e proiettili di gomma. Israele vieta l'ingresso ai musulmani under 50. Incidenti in Cisgiordania da Betlemme a Ramallah

Gerusalemme, 21 lug 2017 - (Rainews) - Sono tre i palestinesi rimasti uccisi oggi negli incidenti avvenuti a Gerusalemme est. Lo aggiorna la agenzia di stampa palestinese Maan, senza fornire per il momento altri dettagli. La polizia israeliana ha confermato la morte del primo dimostrante, nel rione di Ras al-Amud. Scontri fra dimostranti e reparti dell'esercito sono in corso in Cisgiordania a Hebron, Betlemme, Ramallah e Tulkarem. Fonti mediche parlano di decine di feriti, contusi, ustionati ed intossicati
 
Spianata delle moschee vietata ai musulmani sotto i 50 anni - Migliaia i poliziotti schierati: oggi musulmani sotto i 50 anni non possono né mettere piede nella città vecchia né accedere alla spianata delle Moschee. "Sappiamo che alcuni estremisti vogliono infrangere l'ordine pubblico con la violenza", ha spiegato la polizia di Gerusalemme per motivare la decisione. Per le donne, invece, non c'è alcuna restrizione.
 
Gli scontri di ieri: feriti 14 palestinesi -  A fare salire la tesione era stata proprio la decisione rendere più stringenti i controlli a seguito dell'attentato di venerdì scorso il cui sulla spianata delle Moschee sono morti i tre assalitori e due agenti israeliani. Ecco perchè ieri, nello stesso luogo, le nuove misure di sicurezza con metal detector e telecamere hanno portato la rabbia alle stelle. Da giorni i fedeli musulmani - su invito dell'autorità religiosa -pregano al di fuori dell'area della spianata, per non sottoporsi ai controlli in segno di protesta. 


Leggi Tutto ...
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Borsellino, lo sfogo della figlia: «I suoi colleghi non ci frequentano»

mercoledì 19 luglio 2017 - 21:51:26

Fiammetta: «Le indagini a Caltanissetta? Era una Procura massonica»
 
Palermo, 19 lug 2017 - (Corriere della sera )- Stavolta il suo 19 luglio non lo passa a Pantelleria, lontana dai riflettori, per ricordare il padre con una messa solitaria nella chiesetta di contrada Khamma. Perché Fiammetta Borsellino, dopo due clamorosi passaggi tv e Internet con Fabio Fazio e Sandro Ruotolo, si prepara oggi a una audizione in Commissione antimafia, a Palermo. Per tuonare contro «questi 25 anni di schifezze e menzogne».
 



Leggi Tutto ...
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Nubifragio a Scilla, militari dell'esercito chiamati a spalare il fango

domenica 16 luglio 2017 - 17:53:48

Un forte nubifragio si è abbattuto nel Reggino. In particolare la bomba d'acqua ha colpito la zona di Scilla, un comune appartenente alla Città Metropolitana di Reggio
 
scilla_nubifragio.jpgScilla, 16 lug 2017 - Auto trascinate dalla forza dell'acqua e sottopassi intasati di fango. Dopo il violento nubifragio, a Scilla sono arrivati i militari dell'esercito a dare man forte ai vigili del fuoco. Fortunatamente, non si registrano feriti ma ci sono stati non pochi disagi. Almeno tre abitazioni sono state evacuate per rischio di caduta massi nelle vicinanze del Castello Ruffo. La situazione sembra normalizzarsi. E' il sindaco di Reggio Giuseppe Falcomatà a rilasciare alcune dichiarazioni sulla sua pagina Facebook: "Vicini alla popolazione di Scilla per le importanti criticità in zona Marina Grande e Chianalea. Come Città Metropolitana, in sinergia con la Protezione Civile, l'Esercito e il Comune di Scilla, abbiamo predisposto un intervento di messa in sicurezza delle zone più a rischio e adesso la situazione è in via di definizione". "Un sentito ringraziamento va ai volontari e le associazioni di protezione civile - conclude il primo cittadino -. In città, continuano le operazioni di alleggerimento delle alberature e di messa in sicurezza dei sottopassi". (rainews)
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 

Vai a pagina       >>  
Categorie News
   
I don't like using 100% on a table cell when I have a pixel width defined in the other cell so rather than defining the 100% I just hide a large div at the bottom to push out the edge. I don't like using 100% on a table cell when I have a pixel width defined in the other cell so rather than defining the 100% I just hide a large div at the bottom to push out the edge.
Cerca

News

mer 20 set 2017 21:55:37 CEST
Rohani, 'non tollereremo minacce'
 
More... ] 




dom 20 ago 2017 21:29:18 CEST
Jerry Lewis è morto a Las Vegas, aveva 91 anni
[html]
Il periodo successivo - Jerry Lewis proseguì la carriera di attore a cui unì anche quella di regista. Il suo primo film fu "Ragazzo tuttofare" del 1960. In parallelo tentò anche la carriera musicale, conquistando un buon successo con alcune canzoni. Lewis è stato anche un generoso benefattore, donando decine di milioni di dollari alle associazioni contro la distrofia muscolare, attività per cui ricevette anche una candidatura al Premio Nobel per la Pace, e presentando per una decina d'anni la trasmissione televisiva "The Jerry Lewis MDA Labor Day Telethon". Negli ultimi anni diede vita "House of Laughter" (La Casa della Risata) per aiutare i bambini e i giovani affetti da malattie o reduci da traumi, attraverso il potere terapeutico della risata. Ritornò al cinema nel 1983, quando Martin Scorsese lo chiamò per interpretare "Re per una notte", accanto a Robert De Niro.
 
I riconoscimenti - Tra i suoi riconoscimenti, l'attore statunitense ha ricevuto nomination ai Golden Globe e ai BAFTA e, nel 1999, il Leone d'oro alla carriera alla Mostra del cinema di Venezia.
 
La vita privata - Dopo aver divorziato nel 1980 dalla cantante Patti Palmer, sposata nel 1944, e dalla quale aveva avuto sei figli; nel 1983 Jerry sposò la ballerina SanDee Pitnick. I due hanno una figlia, Danielle Sarah, nata nel 1992.
 
Problemi di salute negli ultimi anni - Negli ultimi decenni l'attore aveva avuto molti problemi di salute: un'operazione a cuore aperto nel 1983, un'altra per un tumore alla prostata nel 1992, trattamenti per la dipendenza dai farmaci che gli erano stati prescritti nel 2003, un infarto nel 2006, fibrosi plmonare e altro.
 
(Rainews)
[/html]  
More... ] 


mar 15 ago 2017 11:28:39 CEST
Tensione Usa-Iran, Rohani minaccia di riavviare il programma nucleare: "Trump non è un buon partner"
[html]
L'accordo sul nucleare - E' un processo lungo 13 anni, quello che porta alla firma. Nel 2002 il Consiglio Nazionale della Resistenza (un gruppo iraniano di opposizione) parla per la prima volta dell'impianto nucleare di Arak e di un sito per la produzione di combustibile nucleare in costruzione a Natanz. L'anno dopo l'allora presidente Khatami ammette l'esistenza di Natanz. Il suo successore, Ahmadinejad, fa dello sviluppo dell'atomica il cardine del suo programma politico. Il rapporto con Usa, Aiea e comunità internazionale arriva ad una svolta con la presidenza Rohani, iniziata nel 2015. Sarà sua, dal lato di Teheran, la regia per arrivare all'accordo storico del 14 luglio 2015, firmato dai 5+1 (Usa, Cina e Russia si uniscono a Gran Bretagna, Germania e Francia) e dall'Iran: sospensione delle sanzioni contro l'Iran in cambio di limiti e controlli internazionali sul programma nucleare iraniano. La fine delle sanzioni è legata al progressivo stop iraniano allo sviluppo.

(Rainews)
[/html]  
More... ] 





Prossimi Eventi
Nessun evento prossimo
Angolo della Poesia
Meteo
Chatbox
Devi essere registrato per inviare commenti - effettua il Login oppure se non sei registrato clicca qui per iscriverti


Nessun messaggio presente.