Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]
[ ]
 
Seleziona Lingua


Nessun evento in questo mese.

LMMGVSD





12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Online
Ospiti: 7, Utenti: 0 ...

Massimo numero di utenti in linea 207
(Utenti: 0, Ospiti: 207) il sab 09 gen 2010 16:05:27 CET

Utenti: 24
Ultimo iscritto: marina
Numeri Utili RC
W3C Compliance
Valid XHTML 1.1!
Valid CSS!
Credits


© 2007 This site is powered by Gianfranco Tauro
Cookie policy

LOGO_TI.png blog_logo_3.png



Francia, il ministro degli Interni Bruno Le Roux si è dimesso

martedì 21 marzo 2017 - 21:32:09

Indagato per assunzione figlie. Matthias Fekl nominato al suo posto

Parigi, 21 marzo 2017 - Il ministro degli Interni francese Bruno Le Roux si è dimesso. Il ministro socialista è indagato per aver assunto le due figlie come assistenti parlamentari tra il 2009, quando erano minorenni, e il 2016. "Affermo la mia onestà e il mio attaccamento alla verità", ha detto il ministro nell'annunciare la sua decisione. Il suo posto sarà preso da Matthias Fekl. La vicenda di Le Roux ricorda da vicino quella del candidato della destra alle presidenziali Francois Fillon, a sua volta sotto inchiesta per la vicenda degli impieghi fittizi alla moglie Penelope e a due suoi figli. La tv TMC ha riferito ieri sera che Le Roux ha fatto alle figlie vari brevi contratti tra il 2009 e il 2016 per un totale di 55.000 euro. Le ragazze erano ancora a scuola quando sono state assunte la prima volta e hanno continuato a lavorare per il padre, percependo denaro pubblico, mentre erano all'università. (Rainews)
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Auto elettriche, in Cina progetti e design italiani. Ma il nostro Paese non ci ha creduto

martedì 21 marzo 2017 - 08:38:11

L'Italia esporta know how e progettualità ma nel nostro Paese il mercato delle auto elettriche stenta a decollare. Un paradosso tutto italiano 

Cina, 20 mar 2017 - E' ancora molto bassa in Italia la diffusione dei veicoli alimentati a energia elettrica. Nel nostro paese, tuttavia, ci sono le competenze tecniche e la capacità di innovazione per produrre auto e componenti a prezzi contenuti e di qualità. A investire su questi talenti però ci sono solo i cinesi. Alfredo Di Giovampaolo vi racconta la storia di due imprenditori che, dopo aver ricevuto più di un rifiuto in Italia, hanno trovato sostegno proprio in Cina. Il reportage è stato realizzato nell'ambito del progetto Circom, con i finanziamenti del Parlamento Europeo. (Rainews)
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Riciclaggio: ordine d'arresto per Giancarlo Tulliani

lunedì 20 marzo 2017 - 19:54:06

Il cognato di Gianfranco Fini è irreperibile, risiede a Dubai

Roma, 20 mar. 2017 - Ordinanza di custodia cautelare in carcere per Giancarlo Tulliani, cognato di Gianfranco Fini, nell'ambito dell'inchiesta della procura di Roma su una presunta attività di riciclaggio riconducibile a Francesco Corallo, il "Re delle slot" detenuto dallo scorso dicembre. Il provvedimento del gip Simonetta D'Alessandro non è stato eseguito: Tulliani è residente a Dubai e per la magistratura italiana risulta irreperibile. A chiedere la misura cautelare sono stati il procuratore aggiunto Michele Prestipino ed il sostituto Barbara Sargenti. Questa costituisce uno sviluppo degli accertamenti che il 14 febbraio scorso portarono al sequestro preventivo di beni per un valore di 5 milioni nei confronti di Sergio, Giancarlo e Elisabetta Tulliani, accusati a vario titolo dei reati di riciclaggio, reimpiego e autoriciclaggio a partire dal 2008. Nella stessa inchiesta è indagato anche Gianfranco Fini per riciclaggio. L'inchiesta giudiziaria è quella che vede coinvolto Fini, d'intesa con Giancarlo e Elisabetta Tulliani, titolari delle società offshore Printemps Ltd, Tim Ara Ltd e Jaydene Holding Ltd, per la messa a disposizione di conti correnti delle stesse società per ricevere ingenti somme di denaro riconducibili a Corallo in un meccanismo di triangolazioni che coinvolgevano Italia, Olanda, Antille Olandesi, Principato di Monaco e Santa Lucia. (Rainews)
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Inventò il Rock 'N' Roll: addio Chuck Berry. I colleghi lo piangono. In arrivo un album postumo

domenica 19 marzo 2017 - 13:39:24

Le grandi band britanniche anni '60, come The Beatles, The Rolling Stones e The Animals, vennero influenzati nel sound di Chuck Berry e suonarono i suoi brani a inizio carriera come “Roll over Beethoven”
 
Missouri (Usa), 19 mar 2017 - (Rainews) - Il rock'n roll ha perso uno dei suoi padri fondatori: Chuck Berry, morto all'età di 90 anni, poteva vantarsi di aver cambiato la storia della musica. Il chitarrista e cantante americano lascia un'opera immensa, da "Maybellene" a "Roll Over Beethoven" a "Johnny B. Goode", che ha influenzato diverse generazioni di musicisti, come The Beatles, The Rolling Stones e The Animals, che cercarono ispirazione nel suo sound e nel suo repertorio. Aveva ricevuto un Grammy alla carriera nel 1984 e fu tra i primi a far parte della Rock and Roll Hall of Fame nel 1986. Soprannominato "Crazy Legs", per il suo ineguagliabile gioco di gambe, era nato il 18 ottobre 1926 a St Louis, in Missouri.
 
L'annuncio della morte - Charles Edward Anderson Berry Sr è stato trovato privo di sensi dai soccorritori ed è stato dichiarato morto alle 13.26 locali (19.26 italiane) di ieri, stando a quanto precisato dalla polizia della contea di Saint Charles, Missouri: "È con tristezza che la polizia della contea di Saint Charles conferma la morte di Charles Edward Anderson Berry Sr, meglio conosciuto come il leggendario musicista Chuck Berry". Al momento non sono state precisate le cause del decesso.
 
L'album postumo - Il giorno del suo 90esimo compleanno aveva sorpreso tutti annunciando l'uscita di un nuovo album, il primo in quasi 40 anni. Intitolato semplicemente "Chuck", l'album è stato registrato in studi vicino a St. Louis e dovrebbe uscire nel corso dell'anno. 


Leggi Tutto ...
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Continua l'attività eruttiva dell'Etna, avanza il fronte lavico

venerdì 17 marzo 2017 - 20:34:47

Il vulcano è ancora attivo: la colata che emerge dalla bocca apertasi nel nuovo cratere di Sud-est è bene alimentata e il fronte più avanzato ha superato il Belvedere, dove ieri si è verificata l'esplosione freatica 

Catania, 17 mar 2017 - (Rainews) Un calo di energia nella notte e poi all'alba il ritorno al quadro eruttivo di ieri. Era sembrato placarsi l'Etna che invece è ancora attivo: la colata che emerge dalla bocca apertasi nel nuovo cratere di Sud-est è bene alimentata e il fronte più avanzato ha superato il Belvedere, dove ieri si è verificata l'esplosione freatica, nel contatto tra lava, che arriva a superare i 1.000 gradi centigradi, e la neve, che ha ferito una decina di persone in maniera non grave. Il 'braccio' adesso si riversa nella desertica Valle del Bove, lontano da centri abitati. Dal cratere è presente un'attività stromboliana, con fontane di lava, boati e emissione di cenere. Quest'ultima la notte scorsa era cessata, ma è ripresa nuovamente e, in via precauzionale, è stato emesso un Vona Red, un allerta rosso, per gli spazi aerei.




Leggi Tutto ...
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Alitalia: Montezemolo lascia presidenza, resta in Cda

martedì 14 marzo 2017 - 19:56:09

Dimissioni con approvazione piano industriale

corderodimontezemolo.jpgRoma, 14 marzo 2017 - Con l'approvazione del piano industriale attesa al cda di domani e l'avvio di una nuova fase per Alitalia, Luca Cordero di Montezemolo, a quanto apprende l'Ansa, lascerà la presidenza della compagnia, come aveva già fatto intendere sin dallo scorso novembre. Montezemolo rimarrà comunque nel Consiglio di amministrazione della società. (Rainews)
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Clochard ucciso a Palermo, la figlia: "Mio padre era una persona buona"

domenica 12 marzo 2017 - 09:40:11

A commettere l'orribile delitto un benzinaio di 45 anni che ha confessato di aver agito per motivi passionali, pensava che Cimino gli insidiasse la moglie 

Palermo, 12 mar 2017 - (Rainews) - Mio padre era una persona buona - dice la figlia di di Marcello Cimino. "Lo avevamo sentito con mia sorella ancora la scorsa settimana. E anche questa volta, gli avevamo chiesto di tornare a casa. Ma lui stava bene qui". Piange a dirotto e dice: "Papà non meritava questo, chi l'ha ucciso deve fare la stessa fine". Cimino aveva una casa, in via Vincenzo Barone nel Villaggio Santa Rosalia, ma dopo che tre anni fa si era separato dalla moglie, era finito a vivere per strada non avendo più un lavoro e cercando di racimolare qualche euro vendendo ferro vecchio e cianfrusaglie, recuperate nei cassonetti della spazzatura, nei marciapiedi del mercato abusivo che nei week-end viene improvvisato tra i vicoli del quartiere Albergheria.

Fiaccolata e bandiere a mezz'asta a Palermo "Un gesto di violenza barbara che ha violato il bene sacro della vita. Un gesto che oltraggia Palermo e la sua comunità e ci lascia attoniti. Occorre che Palermo risponda a questa violenza; per questo invito tutti i palermitani ad essere a Piazza Cappuccini per una fiaccolata silenziosa che risponda con civiltà e raccoglimento a questo momento di orrore". Così il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, invitando la cittadinanza a partecipare al corteo che, alle 20, si muoverà da piazza Cappuccini fino a raggiungere la missione San Francesco, dove è avvenuto l'omicidio. Il Sindaco ha anche disposto l'esposizione delle bandiere a mezz'asta al Palazzo Comunale. 


Leggi Tutto ...
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Spunta il video dell'assassino che dà fuoco al clochard bruciato vivo a Palermo nella notte

sabato 11 marzo 2017 - 14:13:09

In un video sono ripresi i momenti fatali dell'assalto al clochard, bruciato vivo sotto un porticato del complesso dei Cappuccini 
 
Palermo, 11 mar 2017 - (Rainews) - Un clochard, Marcello Cimino, 45 anni, bruciato vivo a Palermo. I vigili del fuoco sono intervenuti all'interno di una struttura di accoglienza, nel cui porticato l'uomo trascorreva la notte, dove era stato segnalato un incendio, trovando il corpo carbonizzato del senzatetto. La polizia, coordinata dal Pm Maria Forti che ha disposto l'autopsia, al momento ipotizza l'omicidio. Gli investigatori stanno interrogando anche alcune persone con le quali ieri pomeriggio il clochard avrebbe avuto un diverbio.


Leggi Tutto ...
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Hollande, Gentiloni, Rajoy e Merkel: sì all'Europa a più velocità

lunedì 06 marzo 2017 - 22:59:16

L'incontro è stato convocato dal presidente francese Hollande per preparare le celebrazioni dei Trattati di Roma che si terranno il 25 marzo. Gentiloni: "La Ue riparte dai popoli europei"

versailles_vertice.jpgVersailles, 06 mar 2017 - (Rainews) - Serve un'Europa a più velocità perché, come ha detto François Hollande, "unità non significa uniformità". Su questo c'è accordo a Versailles tra il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, la cancelliera tedesca, Angela Merkel, il premier spagnolo Mariano Rajoy e il presidente francese che ha invitato gli altri tre a un summit in vista delle celebrazioni dei Trattati di Roma, che si terranno il 25 marzo. "Siamo i Paesi più importanti, tocca a noi dire che cosa vogliamo fare" aveva detto nei giorni scorsi Hollande. Al termine dell'incontro a quattro si è tenuta una conferenza stampa.

Gentiloni: "il 25 marzo a Roma la Ue riparte da popoli europei". Più livelli di integrazione " - Il 25 marzo l'Unione riprende il suo cammino con una bussola chiara: i bisogni, gli interessi, i sentimenti dei popoli europei. L'Unione riparte dal popolo europeo - ha detto il premier italiano - L'Italia è per un'Unione europea più integrata ma che possa consentire più livelli di integrazione. E' giusto e normale, mantenendo un progetto comune che avrà le sue basi sulla dichiarazione di Roma". Sulla questione migranti Gentiloni ha detto che "l'Europa non rinuncia alla libera circolazione delle persone, difende le proprie frontiere esterne e affronta in comune la sfida dell'immigrazione. Non credo ai seminatori di illusioni, non credo che quello delle migrazioni possa essere un fenomeno transitorio, il problema è la regolazione e può essere fatta solo insieme, non dai singoli Paesi".




Leggi Tutto ...
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Coppa Italia, la Juventus vince e il Napoli protesta: all'andata è 3-1

martedì 28 febbraio 2017 - 23:31:05

Callejon illude la squadra di Sarri, che si fa rimontare nella ripresa dai rigori di Dybala e dalla rete del solito Higuain. Gli azzurri protestano per un fallo in area su Albiol che porta alla terza - discussa - rete bianconera
 
TORINO, 28 feb. 2017 - Corriere dello Sport - Quattro gol, due rigori, polemiche, i gol di Callejon, Dybala e Higuain, un rigore richiesto, ma non dato ad Albiol. Allo Stadium la Juventus si aggiudica il primo atto della semifinale di Coppa Italia: la squadra di Allegri vince in rimonta sul Napoli 3-1. Azzurri in vantaggio nel primo tempo, poi ripresi e superati nella ripresa da due rigori di Dybala (di cui uno contestatissimo) e il solito gol del Pipita. I bianconeri fanno un bel passo avanti verso la finale e si avviano verso il ritorno del San Paolo (4 aprile) con due reti di scarto.
 
RIVOLUZIONI - Allegri sorprende tutti con la difesa a tre e il ritorno dal 1' della BBC. Sarrismo rivoluzionato, invece, in casa Napoli: negli uomini ma non nella mentalità. Milik si rivede dal 1' a distanza di quasi 5 mesi dall'ultima volta (2 ottobre contro l'Atalanta), con lui in campo Insigne e Callejon. Ma la verà novità è la seconda da titolare per Rog a centrocampo, oltre che il ritorno alla maglia azzurra, che mancava dal 28 novembre (Napoli-Sassuolo 1-1).


Leggi Tutto ...
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Cinema, addio a Pasquale Squitieri: dagli 'spaghetti western' al cinema sociale

sabato 18 febbraio 2017 - 13:56:50

Aveva 78 anni. Cominciò la carriera con lo pseudonimo di William Redford, poi passò a lavorare sui temi d'attualità della società italiana, dalla mafia all'immigrazione. Ebbe una lunga storia d'amore con Claudia Cardinale 

Roma, 18 feb. 2017 - Pasquale Squitieri, il regista nato a Napoli il 27 novembre 1938, è venuto a mancare questa mattina circondato dall'affetto dei suoi cari all'ospedale Villa San Pietro di Roma. Lo rendono noto il fratello Nicola, la seconda moglie Ottavia Fusco, la figlia Claudia. La camera ardente sarà allestita domani dalle 11 alle 18. Laureato in giurisprudenza, debutta nel cinema come regista e sceneggiatore con Io e Dio (1969), prodotto da Vittorio De Sica e, sulla falsariga di registi come Sergio Leone si dedicherà brevemente al genere spaghetti western con Django sfida Sartana (1970) e La vendetta è un piatto che si serve freddo (1971). Entrambe le pellicole sono firmate con lo pseudonimo William Redford. Squitieri però abbandona presto il suo nome d'arte e si occupa di tematiche più attuali e realtà allora poco raccontate della società italiana. Pellicole come L'ambizioso (1975), Il prefetto di ferro (1977) e Corleone (1978) riguardano i contatti tra mafia e politica; Viaggia, ragazza, viaggia, hai la musica nelle vene (1974) e Atto di dolore (1990) hanno come tema principale la droga; Gli invisibili (1988) il terrorismo; L'avvocato de Gregorio (2003) le cosiddette “morti bianche” ; Razza selvaggia (1980) e Il colore dell'odio (1990) affrontano l'argomento dell'immigrazione. Dal 1994 si impegna anche in politica, prima con Alleanza Nazionale poi il Polo delle Libertà. Sentimentalmente è stato legato dagli anni Settanta all'attrice Claudia Cardinale, che ha anche recitato in molti suoi film come Il prefetto di ferro, Corleone, Claretta, Li chiamarono... briganti! e I guappi. Nel 2003 si lega all'attrice e cantante Ottavia Fusco, che ha sposato nel dicembre 2013. (Rainews) 

   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Questura di Roma, cambio al vertice: arriva il superpoliziotto Guido Marino. D'Angelo prefetto a Viterbo

sabato 18 febbraio 2017 - 13:19:16

guidomarino1.jpgRoma, 17 feb. 2017 - Il questore Nicolò D’Angelo, nominato prefetto, lascia Roma. È stato destinato alla prefettura di Viterbo. Al suo posto, arriva l’attuale questore di Napoli, Guido Marino. Origini reggine, nella sua carriera più che trentennale nella Polizia di Stato, ha rivestito importanti incarichi nelle lotta alla criminalità organizzata. Agli inizi della carriera, ha prestato servizio presso la Questura di Bergamo, quindi ha lavorato alla Squadra Mobile di Milano e, nella stessa sede, presso il Centro Operativo della Direzione Investigativa Antimafia (Dia). «Usa parole schiette, così com’è nel suo carattere. È diretto senza fronzoli. Un poliziotto prima di tutto», dicono i colleghi che hanno lavorato con lui.

Dal 1995 ha diretto la Squadra Mobile di Genova e, dal giugno 1997 quella di Palermo. Nel mese di agosto del 2002 ha assunto l’incarico di Vice Questore Vicario della Questura di Palermo. Dopo la promozione a Dirigente Superiore, è stato Questore della provincia di Cosenza da agosto 2004 ad agosto 2007, per poi assumere fino a dicembre 2010 la direzione della Questura di Caltanissetta, che nel settembre 2011 gli conferiva la cittadinanza onoraria. Dal 1° gennaio 2011 ha diretto il II° Reparto della Dia di Roma. Promosso Dirigente generale, dal 12 giugno 2012 ha assunto l’incarico di questore della provincia di Catanzaro. Poi il passaggio a Napoli. E ora a Roma.

Ovviamente lo spostamento di Marino a Roma ha innescato una serie di movimenti nelle questure italiane. Al suo posto andrà infatti Antonio De Iesu, fino ad oggi a Milano, dove invece arriva da Catania Marcello Cardona. In Sicilia, al posto di Cardona, va Giuseppe Gaultieri, attuale questore di Potenza, mentre Antonio Maiorano lascia la questura di Trieste e va a fare il questore a L’Aquila. (ilmessaggero)
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 


Insediamenti, Abu Mazen minaccia lo stop alla cooperazione con Israele sulla sicurezza

mercoledì 08 febbraio 2017 - 22:09:11

Il leader palestinese: la responsabilità sarà del governo israeliano che continua a portare avanti la colonizzazione 

Medio Oriente, 08 feb. 2017 - I palestinesi potrebbero smettere di cooperare con Israele sulla sicurezza se il governo Netanyahu porterà avanti la controversa politica degli insediamenti in Cisgiordania. A minacciarlo è il presidente dell'Autorità palestinese, Abu Mazen, che a Parigi ha dichiarato di non aver altra scelta che sospendere la cooperazione sulla sicurezza con Israele se continuerà la politica di colonizzazione. "Siamo impegnati sulla strada della pace e della sicurezza - ha detto Abu Mazen in Senato - ma ho un limite. Per esempio, se Israele continua la colonizzazione, abbiamo già delle decisioni per sospendere la cooperazione sulla sicurezza ma ne ho bloccato l'applicazione, finora". "Se la colonizzazione continua - ha continuato Abu Mazen - non avrò altra scelta, non ne sarò responsabile io, ma il governo israeliano perché prosegue e intensifica la colonizzazione". Il Parlamento israeliano aveva votato lo scorso 6 febbraio una controversa legge in favore dei coloni, che retroattivamente legalizza circa 4.000 abitazioni costruite su terra palestinese in Cisgiordania. La legge è stata approvata con 60 voti contro 52, in terza e ultima lettura. La norma era stata fortemente ma inutilmante contestata dall'opposizione. Una settimana prima, Il premier israeliano Benjamin Netanyahu e il ministro della Difesa Avigdor Lieberman avevano dato il via libera alla costruzione di 2.500 nuove unità abitative in Cisgiordania. (Rainews
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 

Vai a pagina   <<        >>  
Categorie News
   
I don't like using 100% on a table cell when I have a pixel width defined in the other cell so rather than defining the 100% I just hide a large div at the bottom to push out the edge. I don't like using 100% on a table cell when I have a pixel width defined in the other cell so rather than defining the 100% I just hide a large div at the bottom to push out the edge.
Cerca

News





dom 16 apr 2017 14:50:14 CEST
Migranti, 649 sbarcati a Reggio
[html]
Medici senza frontiere, su corpi anche segni guerra - "Sono migranti che abbiamo salvato due giorni fa, a Nord delle coste della Libia. Molti di loro presentavano segni di tortura e delle sofferenze subite in Libia o durante il tragitto. Per la prima volta cominciamo a vedere anche i segni delle guerre: feriti da arma da fuoco e segni di maltrattamenti e torture". Lo ha raccontato Michele Trainiti, responsabile del soccorso e della ricerca in mare di Medici senza frontiere, dopo l'arrivo a Reggio Calabria della nave "Vos Prudence" con 649 migranti a bordo.
 
"Le attività di salvataggio - ha detto ancora Trainiti - sono state questa volta molto difficili perché si è operato in più salvataggi. Con un'altra nave abbiamo sbarcato ieri a Pozzallo 550 persone. In un solo giorno, con i nostri 649, superiamo le mille unità ed altrettanto ha fatto la Guardia costiera. Una cosa è certa: gli sbarchi continuano. La gente continua a fuggire dalla guerra e dalla fame. Sono molti subsahariani. Abbiamo molti nigeriani, ma vediamo anche un flusso crescente dall'Asia, che per noi è anche l'indicatore del fatto che essendo chiusa la frontiera turca, comunque si cerca sempre una via alternativa per cercare una vita migliore".
 
Augusta, fermati sette presunti scafisti - La polizia ha fermato sette presunti scafisti, per favoreggiamento all'immigrazione clandestina, dopo lo sbarco al porto di Augusta di 731 migranti dalla Nave Dattilo della Guardia Costiera. Lo sbarco, cominciato ieri, verrà ultimato domani. I sette sono stati condotti al carcere di Siracusa. Domani è previsto lo sbarco a Catania di circa 1.100 migranti salvati in diverse operazioni di recupero nel canale di Sicilia.
 
(Rainews)
[/html]  
More... ] 







Prossimi Eventi
Nessun evento prossimo
Angolo della Poesia
Meteo
Chatbox
Devi essere registrato per inviare commenti - effettua il Login oppure se non sei registrato clicca qui per iscriverti


Nessun messaggio presente.