Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]
[ ]
 
Seleziona Lingua


Nessun evento in questo mese.

LMMGVSD




123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930
Online
Ospiti: 1, Utenti: 0 ...

Massimo numero di utenti in linea 207
(Utenti: 0, Ospiti: 207) il sab 09 gen 2010 16:05:27 CET

Utenti: 24
Ultimo iscritto: marina
Numeri Utili RC
W3C Compliance
Valid XHTML 1.1!
Valid CSS!
Credits


© 2007 This site is powered by Gianfranco Tauro
Cookie policy

LOGO_TI.png blog_logo_3.png



Francia al ballottaggio: Macron punta a una supermaggioranza

domenica 18 giugno 2017 - 11:14:35

Subito dopo l'apertura delle urne, si sono già recate le maggiori personalità politiche, dal presidente Emmanuel Macron e dal premier Edouard Philippe. Si vota fino alle 18, alle 20 nelle grandi città.

emmanuel-macron-ape10.jpgParigi, 18 giugno 2017 - (rainews) - Per la Francia è il giorno del ballottaggio per l'assemblea legislativa. Il presidente Macron punta alla vittoria schiacchiante: è infatti della maggioranza assoluta che ha bisogno per portare a termine riforme come quella del Codice del Lavoro. Rischio altissimo di astensione - la scorsa tornata ha superato la metà dei francesi - mentre gli altri partiti temono di uscire dal voto ancora più deboli. Marine Le Pen non raggiungerà il minimo sindacale dei 15 deputati per avere un gruppo parlamentare (e, anzi, potrebbe essere l'unica a mantenere lo scranno) e i socialisti, dopo aver guidato il Paese, incrociano le dira per ottenerli. Per la destra repubblicana vive all'ombra della scissione: chi vuole fare opposizione e chi collaborare con Macron. E se in Parlamento sarà maxi vittoria di En Marche la Francia vedrà davvero la fine del bipolarismo e l'opposizione più dura sarà fuori: i sindacati promettono già battaglia sul Codice del Lavoro. 

L'obiettivo di Emmanuel Macron è portare a casa la larga maggioranza di cui ha bisogno per portare a termine le sue riforme, in primis quella del Codice del Lavoro. La République en marche! porta sulla scena politica circa il 40% di donne e un numero elevatissimo di candidati alla prima esperienza. Dalla società civile, ad esempio, arriva ad esempio il matematio dai capelli lunghi Cédric Villani, vincitore della medaglia Fields e quotatissimo vincitore ad Orsay. Giovanissimo ma scafato è invece Mounir Mahjoubi, attuale segretario di Stato al Digitale, classe 1984, politico e imprenditore con studi alla Sorbona e a Science Po: è lui che si contende il seggio con il segretario del Partito socialista Jean-Christophe Cambadélis. Stando ai numeri del primo turno Macron potrebbe conquistare da 415 a 445 dei 577 seggi dell'Assemblea Legislativa.

I Republicains avrebbero fra 60 e 90 seggi, secondo le proiezioni. Resistono ma rischiano lo strappo tra chi vuole fare opposizione a Macron e chi invece vuole mettersi in marcia con lui. Al primo turno avevano ottenuto il 21,5%.

L'obiettivo dei socialisti è arrivare almeno al gruppo parlamentare: 15 posti. Al primo turno erano l'ultimo dei grandi partiti, con il loro 10%. Le proiezioni consegnavano al partito dell'ex presidente al massimo 35 seggi, quando prima ne avevano 280. Una débacle in cui scontato la scarsissima popolarità di Hollande, il terrorismo che ne ha sfibrato la fiducia, la crisi economica e la tendenza contemporanea a lasciare i partiti tradizionali.

L'estrema destra del Front National che sperava di diventare la prima forza di opposizione può ottenere da uno a sei seggi, e se fosse unico sarebbe solo quello di Marine. Le presiedenziali non hanno portato nulla alla formazione xenofoba fondata dal padre della leader, che di quel tesoretto di consensi non ha fatto che la base per una seria ridiscussione del partito.

La sinistra radicale e gli alleati comunisti da potrebbero portare a casa dai 10 a 25 seggi. Unica incognita all'orizzonte il tasso di astensionismo, dopo che al primo turno ha disertato le urne oltre il 51% degli aventi diritto, facendo segnare un record negativo nella V Repubblica. Una percentuale che al secondo turno,potrebbe raggiungere addirittura il 53-54%, con il rischio di rendere la vita più complicata a Macron. Tanto che tanto che lo stesso premier Edouard Philippe ha lanciato un appello ai francesi a non disertare le urne.

Perchè si vota oggi - In Francia le legislative (il primo turno) si svolgono sempre un mese dopo le presidenziali in modo da permettere al presidente di formare la maggioranza parlamentare con la quale dovrà governare.
(rainews)


   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 

I don't like using 100% on a table cell when I have a pixel width defined in the other cell so rather than defining the 100% I just hide a large div at the bottom to push out the edge. I don't like using 100% on a table cell when I have a pixel width defined in the other cell so rather than defining the 100% I just hide a large div at the bottom to push out the edge.
Cerca

News

dom 17 giu 2018 15:54:15 CEST
Jorge Lorenzo trionfa nel Gp di Catalogna
[html]
In chiave mondiale ottimo secondo posto per Marquez che consolida il primato con 115 punti rispetto agli 88 di Valentino. Soddisfatto Lorenzo: "Una seconda vittoria consecutiva è qualcosa di fantastico, è straordinario vedere come le cose siano cambiate in un periodo così breve. Qui siamo stati competitivi e costanti per tutto il weekend, il problema è stato la partenza non molto buona in cui mi hanno superato Marquez e Iannone, ho dovuto mantenere la calma poi li ho superati e, passo dopo passo, a metà gara ho aperto un piccolo gap”. 

Comunque soddisfatto Marc Marquez: ”Abbiamo fatto un ottimo lavoro - dice il pilota della Honda a fine gara - è stata dura, ho spinto molto, abbiamo fatto la scelta della gomma posteriore giusta, ma era impossibile battere la Ducati. Il dato più importante è avere aumentato il vantaggio in campionato". La prende bene anche Rossi: "Sono contento, è un buon risultato perché dopo le prove era piuttosto chiaro che le Ducati e Marquez avessero un ritmo migliore. Però ho dovuto lottare molto. Pensavo di dovermi accontentare del quarto posto ma poi dopo che Dovizioso è caduto ho scoperto che andavo più veloce rispetto a ieri, grazie al miglioramento dell'assetto fatto con il team.
(Rainews)
[/html]  
More... ] 




sab 16 giu 2018 22:22:06 CEST
La Cina risponde a Trump: dal 6 luglio 50 miliardi di dollari di dazi su prodotti Usa
[html]
L'amministrazione Trump ha annunciato una tariffa del 25% sui miliardi di beni tecnologici provenienti dalla Cina e, non ultimo, accusato Pechino di aver rubato proprietà intellettuali negli Stati Uniti. 

Trump: misure contro la Cina per proteggere in nostri segreti - I nuovi dazi del 25% imposti contro alcuni prodotti cinesi aiuteranno a proteggere i "segreti" degli Stati Uniti. E' quanto ha sostenuto oggi il presidente americano Donald Trump, intervistato dal programma "Fox and Friends" su Fox News. 

"Abbiamo una grande forza di cervelli nella Silicon Valley e la Cina, così come altri, rubano questi segreti. Ora proteggeremo questi segreti, che sono i gioielli della corona del nostro paese". Trump non ha chiarito se vi sia o meno "una guerra commerciale" con Pechino. "La guerra commerciale è stata cominciata da loro e gli Stati Uniti hanno perso", ha affermato, aggiungendo successivamente: "Non c'è una guerra commerciale".

(rainews)
[/html]  
More... ] 







Prossimi Eventi
Nessun evento prossimo
Angolo della Poesia
Meteo
Chatbox
Devi essere registrato per inviare commenti - effettua il Login oppure se non sei registrato clicca qui per iscriverti


Nessun messaggio presente.