Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]
[ ]
 
Seleziona Lingua


Nessun evento in questo mese.

LMMGVSD






1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031




Online
Ospiti: 1, Utenti: 0 ...

Massimo numero di utenti in linea 207
(Utenti: 0, Ospiti: 207) il sab 09 gen 2010 16:05:27 CET

Utenti: 24
Ultimo iscritto: marina
Numeri Utili RC
W3C Compliance
Valid XHTML 1.1!
Valid CSS!
Credits


© 2007 This site is powered by Gianfranco Tauro
Cookie policy

LOGO_TI.png blog_logo_3.png



Tempio egizio di Ramses II: si ripete il 'miracolo del Sole'

sabato 22 ottobre 2016 - 18:15:25

Il fenomeno si ripete due volte l'anno (22 ottobre e 22 febbraio) da millenni. Grazie all'orientamento della struttura i raggi del sole penetrano da una piccola porta incastonata tra le colossali statue nell'oscurità del tempio, illuminando per una ventina di minuti l'effigie del faraone

miracolodelsole.jpgAssuan, 22 ottobre 2016 -  (Rainews) - È conosciuto col nome di 'Miracolo del Sole' e si ripete due volte l'anno: i raggi solari penetrano nella struttura e illuminano la statua di Ramses II. Un fenomeno che attira i visitatori a svegliarsi all'alba e ammirare la bellezza del tempio rupestre situato nell'alto Egitto, a circa 280 km a sud-ovest di Assuan. Non si tratta di un fenomeno sovrannaturale, ma di calcoli precisi fatti dagli antichi architetti. Le date infatti annunciano l'inizio della raccolta e la fine della piena del Nilo. Alle ore 5,55, come accade da millenni, i raggi del sole riflettono sul faraone e sulle altre statue presenti nella tomba un grande spettacolo di luce. Lo spostamento del complesso archeologico alla fine del secolo scorso ha fatto slittare di due giorni il fenomeno astronomico. Nel 1964 venne infatti inaugurata una colossale operazione archeologica spostando i templi e smontandoli blocco per blocco sulla riva del lago Nasser dove si trovano oggi, per evitare che venissero sommersi dalle acque del Nilo in seguito alla realizzazione della diga di Assuan.



Leggi Tutto ...
   Condividi crea pdf di questa news Stampa veloce 

Categorie News
   
I don't like using 100% on a table cell when I have a pixel width defined in the other cell so rather than defining the 100% I just hide a large div at the bottom to push out the edge. I don't like using 100% on a table cell when I have a pixel width defined in the other cell so rather than defining the 100% I just hide a large div at the bottom to push out the edge.
Cerca

News

mer 04 ott 2017 00:00:56 CEST
Mattis: Trump mantenga accordo con Iran
 
More... ] 


mer 13 set 2017 19:56:34 CEST
L’UNHCR potenzia gli sforzi per promuovere alternative alla detenzione e soluzioni per i rifugiati vulnerabili in Libia
[html]
Al tempo stesso, l’UNHCR sta negoziando con le autorità libiche affinché venga aperto un centro di accoglienza che assicuri libertà di movimento ai rifugiati e ai richiedenti asilo, dando priorità ai più vulnerabili. In questo centro, l’UNHCR potrebbe fornire servizi di registrazione, alloggio, cibo, servizi sociali, consulenza e sostegno ai sopravvissuti a violenze sessuali e di genere, e soluzioni in Stati terzi per i più vulnerabili.
 
L’UNHCR sta lavorando per assistere e proteggere oltre 535.000 persone in Libia, tra le quali oltre 226.000 libici sfollati interni a seguito del conflitto, 267.000 libici che sono tornati alle loro case ma rimangono in condizioni di vulnerabilità e 42.834 rifugiati e richiedenti asilo registrati.
 
Nell’esprimere preoccupazione nei confronti delle condizioni riscontrate nei centri di detenzione, l’UNHCR ritiene importante mantenere un dialogo con le autorità competenti in Libia per assicurare l’accesso e l’assistenza salva-vita e per rafforzare le procedure di controllo, identificazione e registrazione, così come le misure volte a prevenire i rischi di violenza sessuale e di genere.
 
“Effettuiamo visite regolari nei centri di detenzione ufficiali per fornire assistenza salva-vita,” spiega Roberto Mignone, Rappresentante dell¬’UNHCR per la Libia. “La nostra presenza in questi centri non significa che appoggiamo tali strutture, né tantomeno ciò che vi accade. È nostro dovere, comunque, fornire aiuto ai rifugiati e ai richiedenti asilo e promuovere la loro protezione, anche quando si trovano in detenzione. Quest’anno l’UNHCR e i suoi partner hanno effettuato 658 visite nei centri di detenzione. Grazie ai nostri sforzi congiunti, sono stati rilasciati circa 1.000 rifugiati e richiedenti asilo”.
 
In Libia, l’UNHCR è impegnato nel migliorare la situazione di centinaia di migliaia di civili colpiti dal conflitto. Lavora inoltre per offrire protezione internazionale, assistenza umanitaria e soluzioni per le persone a rischio che vivono nel paese o che sono in transito verso l’Europa. Lavora in stretto coordinamento con l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM) e altri partner. Le restrizioni che si affrontano in Libia sono molteplici, tra le quali l’accesso limitato su tutto il territorio a causa dell’attuale situazione di insicurezza. Ciononostante l’UNHCR sta facendo il massimo per estendere la sua presenza e il suo intervento in Libia attraverso il suo staff nazionale, i partner, e la regolare presenza a rotazione dello staff internazionale che attualmente opera da Tunisi.
 
Considerati gli urgenti bisogni umanitari e le terribili condizioni nei centri di detenzione, è essenziale che l’UNHCR continui a essere impegnato nel fornire assistenza salva-vita, protezione e soluzioni, insieme alla promozione di alternative alla detenzione, che rappresentano la principale priorità.“L’assistenza fornita dall’UNHCR nei centri di detenzione contribuisce ad alleviare la sofferenza delle persone detenute,” afferma Mignone. “Forniamo kit igienici, coperte, calzature e vestiti. Inoltre, attraverso il nostro partner IMC (International Medical Corps), siamo riusciti a offrire a chi ne aveva bisogno assistenza sanitaria primaria, spesso l’unica assistenza medica di cui i detenuti possano usufruire”.
 
(UNHCR.IT)
[/html]  
More... ] 


dom 24 set 2017 06:32:27 CEST
Serie A, Juventus-Torino 4-0: festa derby con Dybala, Pjanic e Alex Sandro
[html]
LA FIRMA DI PJANIC - Il Torino prova a reagire, ma in maniera troppo disordinata. Al 24' ecco il secondo episodio decisivo: Baselli interviene a metà campo su Pjanic e Giacomelli decide di tirare fuori il secondo cartellino giallo per il centrocampista granata. Mihajlovic è una furia ed è costretto a cambiare inserendo Acquah al posto di Iago Falque. La Juve fiuta la grande occasione e torna a spingere con prepotenza. Al 40' Cuadrado appoggia dietro per Pjanic che lascia partire dal limite un gran destro a giro. 2-0 e Allianz che diventa una bolgia. Nella ripresa il Torino prova a tirar fuori almeno l'orgoglio, ma l'inferiorità numerica è pesante e la Juve non dà tregua. Al 12', su calcio d'angolo, Alex Sandro anticipa tutti di testa sul primo palo firmando il 3-0. Allegri apprezza e cambia: fuori tra gli applausi Cuadrado, dentro Bernardeschi. Il Torino non c'è più. Un reattivo Sirigu (su Benatia e Douglas Costa) e il palo (su Mandzukic) salvano il Torino fino ai minuti di recupero, quando Dybala fa dieci. La festa è tutta bianconera.
 
[/html]  
More... ] 


mer 20 set 2017 21:55:37 CEST
Rohani, 'non tollereremo minacce'
 
More... ] 





Prossimi Eventi
Nessun evento prossimo
Angolo della Poesia
Meteo
Chatbox
Devi essere registrato per inviare commenti - effettua il Login oppure se non sei registrato clicca qui per iscriverti


Nessun messaggio presente.